ubuntu: i am because we are

ubuntu dna 6b

From AGI: “Armando Milani has organised a wonderful collective exhibition in Rotonda della Besana in Milan, Italy, based on the word ‘ubuntu’ – a Southern African word that has its roots in humanist African philosophy – which embodies the concept of humanity and oneness. Ubuntu: I am because we are. Ubuntu was often used by Nelson Mandela in his speeches and is widely understood as meaning respect, dialogue, tolerance and humanity. The collection of posters denounce oppression and present messages that suggest possible solutions in defense of human rights. An itinerant exhibition and a possible book would include collected posters from great international designers, from universities students and from school children, all asked to interpret the meaning of Ubuntu. Different ages, different cultures, one dream: Ubuntu from everyone to everyone. The exhibition at the Rotonda della Besana in Milan will include posters from 50 designers (including AGI members such as Mauro Bubbico and Javier Jaén), 50 students and 50 children and will take place in the first week of October.”

This is my poster. Within the DNA double helix, Ubuntu is written by a colour sequence in Morse code. It means sharing humanity through a signal everybody understands: life.

[ Dalla pagina dell’AGI: Armando Milani ha organizzato una splendida mostra collettiva alla Rotonda della Besana, a Milano, dal titolo Ubuntu – una parola sudafricana che ha la sua origine nella filosofia umanista africana – che incorpora il concetto di umanità e di individualità. Ubuntu: Io sono perchè noi siamo. Ubuntu è stata spesso usata da Nelson Mandela nei suoi discorsi ed è diffusamente interpretata nel suo significato di rispetto, dialogo, tolleranza e umanità. La collezione di poster denuncia l’oppressione e suggerisce possibili soluzioni in difesa dei diritti umani. I lavori in mostra sono la risposta di esseri umani di ogni età e ogni cultura: 50 designer (alcuni di essi fra i migliori al mondo), 50 studenti e 50 bambini. Ubuntu: da parte di tutti, verso chiunque.

Questo è il mio poster. All’interno della doppia elica del DNA, Ubuntu è scritto da una sequenza colorata composta in codice Morse. Significa condividere l’umanità attraverso un segnale che tutti comprendono: la vita. ]

Advertisements

the cagliari vintage series

mag cagliari sella diavolomag souvenir cagliari 1mag cagliari tuffo souvenir 6mag cagliari torre elefantecagliari rupe castello 2mag cagliari fenicottero souvenir 3mag cagliari bastione souvenir 7mag lips cagliari 3mag cagliari anni 50 souvenir 5cagliari anni 30 souvenir post

In the last few months I have finally completed a project that has been lazily going on for at least six years, in my spare time. Since, I mean, I realized – being very fond of vintage posters – that Cagliari had not experienced the great era of 20th century tourism affichisme. It was largely predictable, as until a few years ago Cagliari had never been among the most famous tourist destinations, and Sardinia was difficult to reach until the mid-50s. So I wanted to write a fiction: a style exercise – not very serious at all and for me a lot of fun – to match with the graphic trends of the last century. A first collection of 10 images came out, which became an entire collection of souvenirs for NIU Store.

[ Negli scorsi mesi ho finalmente portato a compimento un progetto che arrancava da almeno sei anni, solo come passatempo. Da quando, cioè, mi accorsi – da appassionato di poster d’epoca – che Cagliari non aveva vissuto la grande stagione dell’affichisme turistico del Novecento. Era prevedibile, in quanto fino a pochi anni fa Cagliari non era mai stata tra le mete turistiche più note, e la Sardegna era difficile da raggiungere fino alla metà degli anni 50. Così ho voluto scrivere una storia inventata: un esercizio di stile – molto poco serio e per me molto divertente – per confrontarmi con le epoche della grafica del secolo scorso. È venuta fuori una prima collezione di 10 immagini, diventati una intera collezione di souvenir per NIU Store. ]

typocarpet at biennale architettura venezia 2018

33901222_952874041550552_4279793880917868544_otelaio 70 mu cucinella biennale def

Some month ago I was asked to design a carpet for the Italian Pavillion at Biennale Architettura 2018, Venice. It is a part of a project of five selected by Mario Cucinella, the italian curator for the present edition. Here you can see the realized carpet (by Mariantonia Urru) and the project, showing the title “Arcipelago Italia”, in colour, and “Biennale Venezia” in black letters.

[ Alcuni mesi fa mi è stato chiesto di progettare un tappeto per il Padiglione Italia alla Biennale Architettura di Venezia 2018. Eccolo: è parte di uno dei cinque progetti selezionati da Mario Cucinella, il curatore del padiglione. Qui si può vedere il tappeto realizzato (da Mariantonia Urru) e il progetto, nel quale sono leggibili le scritte “Arcipelago Italia”, colorata, e Biennale Venezia, in nero. ]

 

two aknowledgments

Accademia Olearia, First Prize/Gold Medal at Los Angeles Extra Virgin International Oil Packaging Design Competition 2018.

Chlamys white wine, Etichetta d’Argento at Vinitaly, Verona 2018.

[ Accademia Olearia, primo premio e medaglia d’oro al concorso internazionale di packaging oleario di Los Angeles, USA 2018.

Vino bianco Chlamys, Etichetta d’Argento al Vinitaly, Verona 2018. ]

gran-riserva-e1470317170183chlamys-fois

 

military landscapes

Last summer, just in front of the extraordinary seascape of La Maddalena and Caprera islands, in the Northern Sardinia, “Military Landscape”, a scientific meeting about the decommissioned fortresses, air bases, ports, etc., took place. Its aim is was design a future for many nice building and infrastructures, often placed in some of the most wonderful places in the world. It was organized by Donatella Fiorino, a professor at Cagliari University. I designed the visual identity of the meeting. Here the cover of the Skira book is shown.

[ La scorsa estate, di fronte al mare straordinario delle isole di La Maddalena e Caprera, nel nord Sardegna, è stato organizzato il convegno “Military Landscapes” (Paesaggi Militari), incentrato sulle architetture militari dismesse, come fortezze, porti e aeroporti, bunker, etc. Il suo scopo era quello di disegnare un futuro possibile per queste strutture, molte delle quali esteticamente pregevolissime e spesso ubicate in siti eccezionali. Il convegno è stato organizzato da Donatella Fiorino, professore all’Università di Cagliari. Tra le declinazioni dell’identità visiva che ho progettato, qui viene presentata la copertina del volume edito da Skira. ]

military landscapes

 

 

non potho reposare

This is my first typographic carpet to be a standard product. It is based on the first words of the most beautiful Sardinian love song, “Non potho reposare”, (I can’t sleep) which are easily readable in the diagram below. As always it is produced by Mariantonia Urru, a craftsman’s workshop that this year won the Best Interior Award at the Domotex 2018 in Hannover. This carpet can be read and sung: the plot that accompanies the letters is the score – in square, almost Gregorian notation – of the melody.

[ Questo è il mio primo tappeto tipografico di serie. È basato sui primi versi della più bella canzone d’amore sarda, “Non potho reposare”, che sono facilmente leggibili nello schema in basso. Come sempre è prodotto da Mariantonia Urru, un laboratorio artigiano che quest’anno ha vinto ad Hannover il Best Interior Award a Domotex 2018. Questo tappeto si può leggere e anche cantare: il motivo che accompagna le lettere è infatti lo spartito – in notazione quadrata, quasi gregoriana – della melodia della canzone. ]

IMG_9128non potho telaio 320X200 evid rossoIMG_9116bIMG_9114r